Home » Dolci » Come riciclare l’uovo di Pasqua: due ricette per te

Come riciclare l’uovo di Pasqua: due ricette per te

Contenuto dell'articolo

Se ti rimasta in casa della cioccolata o se hai compulsivamente fatto scorta di uova nei supermercati approfittando dell’enorme ribasso dei prezzi nei giorni successivi alla Pasqua, questo articolo è dedicato proprio te! Se vuoi riciclare la buonissima cioccolata che hai a disposizione per creare golosi piatti dolci ottimizzando le risorse, ecco un paio di ricette che potrebbero renderti felice 🙂

Trasforma le uova di Pasqua in una crema spalmabile

La ricetta più semplice in assoluto è quella di realizzare una sorta di crema spalmabile alle nocciole che ti farà ottenere una variante della famosa Nutella con ingredienti da te selezionati. Per preparare quest’ottima crema spalmabile potrai unire diversi tipi di cioccolata e se ne hai la possibilità, utilizzale in parti uguali, ad esempio:

  • 100 grammi di gianduia,
  • 100 di fondente,
  • 100 grammi di cioccolata al latte (Ovviamente va benissimo anche una cioccolata completamente vegetale che poi potrai dolcificare a seconda dei vostri gusti).

Con 300 g di cioccolata potrai aggiungere fino a

  • 100 g di nocciole tostate e tritate molto finemente,
  • 1 g di lecitina di soia,
  • 200 g di latte anche vegetale,
  • 80 g di zucchero se lo desiderate,
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia o una bustina di vanillina alternativa.

Per quanto riguarda la preparazione aiutati con il mixer per tritare le nocciole finissime insieme all’eventuale dolcificante e nel frattempo metti a bagnomaria la cioccolata insieme al latte facendoli sciogliere completamente. Aggiungi a mano a mano la lecitina di soia, la vaniglia e il dolcificante, unendo infine le nocciole e trasferendo tutto nel mixer. Se non hai il mixer puoi benissimo utilizzare anche il tuo minipimer o un piccolo frullatore per rendere il composto il più possibile omogeneo.

Trasferiscilo in un vaso di vetro da circa 300 ml e lascialo raffreddare completamente. Quest’ottima cioccolata spalmabile fatta in casa è subito pronta per essere testata su una fetta di pane, sui biscotti o nella piadina!

Il salame di cioccolata con le uova di Pasqua rimaste

Se il salame è un ingrediente tipico nella colazione pasquale di alcune regioni italiane, per il post pasqua ti proponiamo la rivisitazione di una delle ricette più diffuse! L’esame di cioccolata tradizionale prevede l’utilizzo delle uova, tuttavia è possibile prepararne una versione assolutamente più leggera e completamente vegetale adatta a qualsiasi tipo di intolleranza. Ecco quindi la variante che vogliamo proporti.

Dalle uova di Pasqua dovrai ricavare almeno un etto di cioccolata fondente, e potrai riciclare anche dei biscotti induriti o semplicemente quelli che più ti piacciono, pesandone 250 g. Se utilizzi derivati animali calcola anche 100 g di burro che possono però essere sostituiti da margarina o decisamente più sano da una banana media o grande (preparane un paio per sicurezza!). Aggiungi 50 g di cacao in polvere, 80 g di nocciole e avrai a disposizione tutto quello che ti serve.

Quindi ricapitoliamo gli ingredienti:

  • 100 grammi di cioccolata fondente
  • 250 grammi di biscotti
  • 100 grammi di burro, margarina o banane
  • 50 grammi di cacao in polvere
  • 80 grammi di nocciole

Sbriciola i biscotti aiutandoti con le mani o un mattarello senza ridurli completamente in polvere e lasciali grossolanamente in una ciotola mescolandoli alle nocciole, al cacao in polvere e all’eventuale zucchero. Se i biscotti sono già dolcificati lo zucchero può essere tranquillamente omesso. Nel frattempo puoi fare sciogliere il cioccolato nel microonde per tre minuti o a bagnomaria. Aggiungi i biscotti al burro ammorbidito oppure alla margarina o ancora in alternativa alla banana e unisci il cioccolato fuso tiepido.

Realizza un composto omogeneo aiutandoti con le mani umide per modellare la forma e usa la carta forno per creare una sorta di cilindro. Con le mani umide riuscirai a compattare ancora meglio il dolce e se risultasse troppo asciutto puoi sempre aggiungere un cucchiaio o due di latte di qualsiasi origine.

A seconda della quantità di composto e dello spazio disponibile in frigo o delle teglie, potrai decidere di formare due salamelle oppure una unica più grande. A questo punto arrotola il salame nella carta forno e lascia in frigo per due o tre ore: quando lo estrai potrai cospargerlo di zucchero a velo oppure di scaglie di cocco. Le nocciole possono essere sostituite con le mandorle.

Leggi anche

Cookies vegani ma buoni per tutti (davvero)

Contenuto dell'articolo 1 Biscotti al cioccolato senza uova nè latte, ma davvero golosi1.1 Biscotti banana …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *